Usa, scampato il default…almeno per ora: le parole di Biden

Accordo in extremis per evitare il default economico. Ma le parti restano distanti e c’è ancora il rischio che salti tutto

Scampato pericolo. Dopo una maratona di colloqui, negoziati e persino passeggiate in bicicletta all’alba, repubblicani e democratici hanno trovato un accordo che eviterà il primo default nella storia degli Stati Uniti. Ameno per il momento. L’accordo infatti, che mediaticamente è stato apprezzato da tutti, ma che ufficiosamente non piace a nessuno, dovrà ancora essere ratificato ufficialmente, smussando gli ultimi dettagli. Al momento l’unica certezza è che le parti sono riuscite a prendere tempo, guadagnando qualche giorno in più.

Il Presidente Joe Biden e il Presidente della Camera Kevin McCarthy hanno raggiunto un “accordo di principio” per innalzare il tetto legale del debito nazionale nella tarda serata di sabato, mentre si affrettavano a trovare un accordo per limitare la spesa federale e scongiurare un potenziale disastroso default degli Stati Uniti. Tuttavia, l’accordo rischia di irritare sia i Democratici che i Repubblicani a causa delle concessioni fatte per raggiungere un compromesso. I negoziatori hanno accettato alcune richieste repubblicane di aumentare i requisiti di lavoro per i beneficiari di buoni pasto, che avevano suscitato l’indignazione dei democratici della Camera, ritenendoli un’opzione non praticabile.

Il sostegno di entrambi i partiti sarà necessario per ottenere l’approvazione del Congresso la prossima settimana, prima del default del governo previsto per il 5 giugno. Il presidente democratico e lo speaker repubblicano hanno raggiunto l’accordo dopo essersi parlati telefonicamente sabato sera. Il Paese e il mondo intero sono rimasti in attesa di una soluzione a una situazione di stallo politico che ha minacciato gli Stati Uniti e l’economia globale. “L’accordo rappresenta un compromesso, il che significa che non tutti ottengono ciò che vogliono”, ha dichiarato Biden in una dichiarazione rilasciata nella tarda serata di sabato. “È questa la responsabilità di governare”, ha aggiunto. Biden ha definito l’accordo “una buona notizia per il popolo americano, perché evita quello che avrebbe potuto essere un default catastrofico e che avrebbe portato a una recessione economica, a conti pensionistici devastati e alla perdita di milioni di posti di lavoro”.

Le parole di McCarthy

Il Presidente della Camera Kevin McCarthy – Velvetnews.it

McCarthy, in un breve discorso al Campidoglio, ha detto che “abbiamo ancora molto lavoro da fare”. Ma l’oratore repubblicano ha affermato che: “Credo che questo sia un accordo di principio degno del popolo americano”. Con i contorni di un accordo già pronti, il pacchetto legislativo potrebbe essere redatto e condiviso con i legislatori in tempo per le votazioni della Camera già mercoledì, e successivamente del Senato. Al centro del pacchetto c’è un accordo di bilancio biennale che manterrebbe la spesa piatta per il 2024 e la aumenterebbe dell’1% per il 2025 in cambio dell’innalzamento del limite del debito per due anni, spingendo la volatile questione politica oltre le prossime elezioni presidenziali.

I repubblicani hanno cercato di ottenere un accordo per imporre requisiti di lavoro più severi ai beneficiari di aiuti pubblici, ma non hanno ottenuto tutto quello che volevano. L’accordo prevedeva l’innalzamento da 49 a 54 anni dell’età dei requisiti lavorativi per gli adulti abili e senza figli, ma Biden è riuscito a ottenere deroghe per i veterani e i senzatetto. Le due parti avevano anche raggiunto un’ambiziosa revisione dei permessi federali per facilitare lo sviluppo di progetti energetici e linee di trasmissione. L’accordo prevede invece l’introduzione di modifiche al National Environmental Policy Act, legge storica degli anni Settanta, che designerà “un’unica agenzia capofila” per lo sviluppo delle revisioni ambientali, nella speranza di snellire il processo. L’accordo è stato raggiunto dopo che il Segretario al Tesoro Janet Yellen ha comunicato al Congresso che gli Stati Uniti potrebbero andare in default sui loro obblighi di debito entro il 5 giugno – quattro giorni dopo rispetto a quanto stimato in precedenza.

Impostazioni privacy